eCRP - Moto Elettrica
MotoGP Romagna su Facebook
MotoGP Romagna su Google+
fotografia bologna
Dedicato a tutti motociclisti della Romagna e oltre...
Per informazioni scrivere a:
Entra oppure Registrati!
Motoraduni ed eventi motociclistici
Cerca Negozi officine accessori moto Strutture turistiche convenzionate Il tuo profilo
Mobile MotoGP Romagna
 Home page
 MotoGP Romagna People
 Itinerari moto consigliati
 Itinerario moto Sardegna Osidda "Tra la montagna ed il mare" Nuoro (NU)
 Nuova discussione
 
Luigi vi aspetta nella sua officina per qualsiasi esigenza meccanica
Autore Discussione precedente Discussione   

staffmod
Staff


65 Posts

Posted - 16/02/2011 :  18:36:58  Rispondi SENZA citare messaggio originale  Rispondi citando il messaggio originale
ITINERARIO MOTOCICLISTICO “Tra la montagna ed il mare”.
Chilometraggio complessivo: 167 km
Tempo di percorrenza: 3 ore e 27 min

Ideatore dell'itinerario: Ufficio Turistico Osidda
Contatti: turistico.osidda@gmail.com

Versione scaricabile con piantina dettagliata ed immagini:
http://www.motogpromagna.com/itinerari/20100813_osidda.pdf

PERCORSO E TAPPE:
Osidda, Bitti, Lula, Montalbo, Sant’Anna di Lodè, Siniscola,Torpé,Posada,Budoni,Brunella,Talavà,
Strada del Lago Maccheronis,Concas, Alà dei Sardi, Buddusò,Osidda.
Osidda è un piccolo villaggio montano di circa 260 abitanti, collocato ad un'altitudine di 650 metri
slm nella regione di Monteacuto nei pressi dell'altipiano di Bitti.
Il suo territorio ha una superficie di Kmq 25,78 attraversato dai fiumi Tirso e Molò e comprendente
folti boschi di roverelle e di sughere, è abitato da numerose specie animali tra le quali conigli
selvatici, volpi, martore, sparvieri. Nel suo patrimonio archeologico, Osidda comprende diversi
nuraghi, tra cui Usanis e Iscobalzu, e il villaggio di Seris; tutti siti inquadrati in sentieri
naturalistico-archeologici, con percorsi
segnalati e attrezzati, facilmente fruibili
dai turisti.
Incontro in Piazza Sant’Angelo ad Osidda
e partenza verso Seris, alla prima rotatoria
verso l’uscita del paese si svolta verso
sinistra e si seguono le indicazioni per
raggiungere il villaggio nuragico de “Sa
contra e S’eris”.
Si torna indietro, sulla SS 389 si procede
per circa 15 min fino al bivio di San
Giovanni, a 2 Km dalla strada si trova il
villaggio nuragico Su Romanzesu in
Località Poddi Arvu a 13 km dal centro
abitato. Il sito è gestito da una cooperativa ed è possibile seguire un itinerario con delle guide turistiche.
Prosecuzione verso il centro abitato di Bitti,si raggiunge Lula.
A questo punto alla fine del paese svoltare a sinistra e procedere verso la strada provinciale
Pedemontana che costeggia il Montalbo.
Ci si addentra nella regione delle Baronie, il Montalbo è una catena montuosa calcareo-dolomitica
lunga 20 km che costituisca un patrimonio unico di natura e biodiversità. E’ stato riconosciuto
territorio S.I.C. ossia Sito di Interesse Comunitario dall’ Unione Europea.
Si procede per circa 30 km e si arriva a Sant’Anna di Lodè. Frazione del comune di Lodè. Si trova a
700 metri slm a ridosso tra la Baronia, i monti del Goceano ed il Gennargentu.
Dal mare alla montagna il passo è breve.
Il viaggio prosegue verso Siniscola percorrendo la SP 3.
Dopo Siniscola si prosegue per Torpé, immettendosi nella SS 131DCN si procede fino allo
svincolo per Torpè in direzione SP 24.
In circa 5 minuti si arriva a Posada, uno dei centri più antichi della Sardegna su cui si erge
l’imponente Castello della Fava. Venne edificato durante il Giudicato di Gallura.
Da qui si gode il paesaggio sottostante percorsa dal rio
Posada.
Il castello deve il suo strano nome ad un episodio,
accaduto durante un' assedio dei Saraceni, gli assediati
erano sul punto di arrendersi per fame, quando qualcuno
ebbe l'idea di mandare un falso messaggio con un
piccione viaggiatore (nel quale si diceva che stavano
bene e potevano
resistere senza bisogno di rinforzi), certi che il piccione
sarebbe stato individuato e abbattuto, per rendere più verosimile il messaggio, diedero al
piccione l'ultima fava rimasta.
I Saraceni abbatterono il piccione,gli trovarono la fava nel gozzo e, credendo al messaggio,
decisero di andarsene.
Il castello di Posada, realizzato con conci lavorati di pietrame misto, si articola in una cinta
muraria di forma quadrangolare non regolare all'interno della quale si trovano una torre a pianta
quadrata, con coronamento merlato, e una serie di cisterne.
Siamo nel cuore della Baronia.
Si prosegue sempre sulla SS 131 DCN per svoltare
all’uscita verso Budoni.
Budoni è la località turistica tra le più visitate e apprezzate
della Sardegna con 18 Km di spiagge con sabbia
bianchissima ed un mare cristallino. Segnaliamo tra le
località più incantevoli Agrustos, Porto Ottiolu e Portu
Ainu.
Si lascia il mare per tornare tra le montagne, si prosegue
verso Brunella e Talavà sulla SP 24.
A 10 minuti da Talavà si
procede sulla SS 67 in
direzione Concas.
Concas è un piccolo
paesino vicino al Lago di
Posada realizzato sulla
diga Maccheronis.
Si prosegue verso la Gallura verso la SP 67 si procede seguendo le indicazioni fino ad Alà dei
Sardi, segue Buddusò e si ritorna ad Osidda per cena e pernottamento.
Ad Osidda sarà possibile visitare l’antico centro storico ed i numerosi resti nuragici presenti sul
territorio.
COSA VISITARE ad Osidda..
Nella zona circostante il paese si ergono circa 14 nuraghes la maggior parte dei quali diroccati o
semidistrutti.
Verso la zona Nord del paese segnaliamo Merula. Proseguendo verso “Funtana Ezza” e lasciando
alla sinistra la cosiddetta strada nota con il nome de “Sas Iscalas” si trova il nuraghe a circa 100
metri di distanza dal muretto a secco, da non dimenticare che poco lontano si può visitare un antico
pozzo sacro.
Sempre a Nord del paese troviamo Punta Santu Paulu e Menhir. Situata poco lontano dal centro
abitato, originariamente il paese sorgeva proprio in questa zona. A pochi passi si erge un Menhir tra
i più alti della Sardegna. Il Menhir alto poco più di 7 metri si presenta imponente ed immerso nel
verde nella zona che dagli abitanti del luogo viene nominata “S’impiccadolzu”.
La visita prosegue presso S’iscobalzu, zona che da il nome all’agriturismo. Propone una torre
nuragica per un’altezza di circa 5 metri. La porta è seminterrata e non permette di accedere
all’interno per via della caduti dei massi della cupola. La dimensione e la conservazione è la
migliore tra i nuraghi della zona.
Si tratta di un esempio di fortilizio nuragico data la posizione strategica la quale permetteva
un’ampia visione del territorio. Infatti da esso è possibile scorgere il vicino nuraghe di Usanis.
Rientrando in paese la visita prosegue verso il Parco comunale.
E’ la zona più alta del paese. Si può godere dell’ombra grazie alla folta vegetazione e fermarsi per
pranzo. Lì vicino si trova il campo da bocce ed il parco giochi per bambini. Poco lontano dal Parco
comunale si può scoprire la piscina, la palestra ed il campo da calcio.
Osidda vanta la presenza di una chiesa risalente al XIII secolo consacrata al culto di Sant’Angelo.
Il paese, nonostante le numerose chiese già presenti all’epoca, decise nel XIII secolo di recare onore
a questo santo con la costruzione di una chiesa situata proprio sul punto più alto del paese.
Il 5 Maggio di ogni anno il paese di Osidda ne celebra il martirio, mentre il 14 Maggio ne viene
ricordata la sepoltura. La festa pagana viene invece celebrata il 27 Agosto.
Osidda possiede un affascinante centro storico, anch’esso recentemente ristrutturato grazie ai fondi
del G.A.L. Si potrà visitare l’imponente palazzo Delogu con il Mirador, per poi discendere per le
strette vie del paese ed essere trasportati indietro nel tempo tra case di granito ed antichi cortili.
Nella piazza principale si può visitare Sa caserma ezza, dove è ospitato il Presepe Sardo con una
riproduzione perfetta degli abiti tradizionali sardi. L’opera dell’artista Speranza Pischedda,è stata
da quest’ultima donata come segno dell’attaccamento con il paese natale.
Per chi avesse interesse Osidda offre una ricchissima biblioteca, fornita non solo di materiale
audiovisivo ma anche di numerose postazioni internet gratuite, noleggio DVD ed un’ampia scelta
di quotidiani e settimanali .L’ultima novità è la possibilità di connettersi tramite rete WI-FI anche
nella piazza principale. Da menzionare l’affascinante mostra fotografica antica su Osidda sempre
nei locali della Biblioteca Comunale. Nello stesso stabile di quest’ultima si trova la ludoteca
gestita da personale qualificato e dotata di numerosi giocattoli e giochi di società.
Dove mangiare/ Where to eat:
- Agriturismo S’iscobalzu. Località S’Iscobalzu, Osidda. Tel.3476404095;
- Agriturismo Sa rocca, Località Sa Rocca, Osidda. Tel. 33872225522;
- Bar Il Salice, Centro del paese;
Dove dormire/ Where to stay:
- Agriturismo S’iscobalzu. Località S’Iscobalzu, Osidda. Tel.3476404095;
- Casa Taras, Via Roma, Tel. 079/712616, Cell. 3384622127;
- Casa Deroma, Via Diaz, Tel. 0784/34527, 0784/32890;
- Casa Carta, Via Diaz, Cell.349/5629162;
- Casa Brundu, Via Asproni, Tel.079/712608, 079/712654;
- B&B Locu Vine. Località: Locu Vine, Osidda. Tel.079/712616; Cell.3384622127;
- Casa Kirova, Corso Garibaldi.Cell.3456284114;
- Casa Doneddu, Corso Garibaldi,Tel.079/712615;

  Discussione precedente Discussione   
Jump To: