eCRP - Moto Elettrica
MotoGP Romagna su Facebook
MotoGP Romagna su Google+
fotografia bologna
Dedicato a tutti motociclisti della Romagna e oltre...
Per informazioni scrivere a:
Entra oppure Registrati!
Motoraduni ed eventi motociclistici
Cerca Negozi officine accessori moto Strutture turistiche convenzionate Il tuo profilo
Mobile MotoGP Romagna
 Home page
 MotoGP Romagna People
 Attualità, politica & affini
 La democrazia a punti
 Nuova discussione
Autore Discussione precedente Discussione Prossima discussione  

redeagle
Moto 650cc


114 Posts

Posted - 16/03/2008 :  23:07:10  Rispondi SENZA citare messaggio originale  Rispondi citando il messaggio originale
Visto che siamo in odore di elezioni voglio mettere nero su bianco una mia vecchia idea su come dovrebbero essere gestiti i voti degli Italiani (e non).

Premessa: è innegabile che ci siano voti che valgono meno di altri, bando all'ipocrisia. Nella società moderna i voti espressi, ad esempio, dalle persone molto anziane sono "pilotati" dai relativi figli o addirittura dai nipoti. Rincaro la dose con un altro esempio, dicendo che è perfettamente inutile dare lo stesso valore ad un voto proveniente da una persona in grado di usare solo una parte del suo cervello e ad uno espresso da una persona che partecipa attivamente alla vita civile.

Partendo da questa premessa, che è INDISCUTIBILE, il problema sta nel differenziare i valori dei voti. Fortunatamente la risposta è molto semplice, basta usare un po' di ingegno...

Quando uno va a votare mette una croce sulla sua preferenza. Bene. Il suo voto vale 1 punto.

Insieme alla scheda elettorale si da un'altra scheda, con un bel quiz a crocette, stile esame della patente (per intenderci). Si tratta quindi di una scheda AGGIUNTIVA con domande a risposta chiusa, per cui NON ci possono essere interpretazioni.

Non entro nella realizzazione "tecnica" del tutto, ma fornisco uno schema, solo a titolo di esempio, su come questa scheda aggiuntiva possa far aumentare quel singolo punto preso con la scheda elettorale semplice.

10 domande prese da un elenco di 1000 domande.
Queste 1000 domande (insieme alle risposte giuste) sono di cultura generale, stampate a più riprese da tutti i quotidiani, e fornibili anche dai comuni a chiunque ne faccia richiesta. Si tratta di dare a tutti la possibilità di STUDIARE, di fare un minimo di "compiti a casa". Domande tipo:

Quanto vale, oggi, il dollaro rispetto all'euro?
a) un dollaro vale di più di un euro
b) un dollaro vale di meno di un euro
c) valgono uguale
d) hanno un valore?

Come si chiama una delle città bombardate dalla atomica?
a) Hiroshima
b) Hirospina
c) Hero
d) La bomba atomica non esiste

ecc...
ecc...
ecc...

Si tratta quindi di domande BANALI!!!

Il punteggio complessivo del voto si ottiene moltiplicando il valore base del voto (1) per ogni risposta azzeccata. E' evidente che chi studia e si applica UN MINIMO viene premiato, vedendo il valore del proprio voto alzato fino a 10 punti!!!

In pratica 10 voti espressi da persone che NON si applicano e NON studiano, valgono tanto quanto quello di UNA persona che ha studiato e che si è interessata almeno il "minimo sindacabile". Si può entrare nel merito tecnico dell'esempio da me fornito, e magari adottare uno schema domanda/risposta diverso, ma il concetto deve essere che le domande e le risposte devono essere disponibili a tutti, indistintamente.

Rimane il problema dei più deboli e delle persone diversamente abili. Per queste persone si può pensare ad una delega! Questo consentirebbe di rendere chiaro e trasparente un voto che oggi risulta "pilotato" e quindi fasullo. Ad esempio, chi non sa leggere o scrivere ha due strade:
a) delegare qualcuno
b) andare a votare ugualmente

La delega è ovviamente una procedura delicata, e deve essere nominata la giusta persona PRIMA delle elezioni, in un momento qualsiasi delle vita. Si pretende dal cittadino senza alcuna cultura, o con gravi handicap, quel minimo di consapevolezza sociale e civile. Se una persona che non sa nè leggere nè scrivere non si interessa di trovare un delegato PRIMA delle elezioni vuol dire che NON è un buon cittadino, e che NON si merita di partecipare alla vita politica del paese in cui vive.

Sfido chiunque a dimostrare che questo sistema non funzioni!!!



Saluti e lampzzz,
RedEagle

alexxx
Moto 650cc

185 Posts

Posted - 19/03/2008 :  10:43:30  Rispondi SENZA citare messaggio originale  Rispondi citando il messaggio originale
aaah red... te fai le canne?
Go to Top of Page

Julia
Moderatore

Italy


1172 Posts

Posted - 19/03/2008 :  19:46:56  Rispondi SENZA citare messaggio originale  Rispondi citando il messaggio originale
più pesante alex, più pesante

Julia

I sogni vanno sempre perseguiti!!!
Go to Top of Page
  Discussione precedente Discussione Prossima discussione  
Jump To: